lunedì, dicembre 13, 2010

Frammenti



In Austria è stato arrestato l'ex premier croato Ivo Sanader.
Pesanti i capi di accusa nei suoi confronti: il politico avrebbe infatti intascato qualche milione di euro nell'affare "Fimi Media" nonchè garantito forniture elettriche sottocosto ad alcune società croate, sempre dietro il pagamento di tangenti.
Secondo il suo avvocato Sanader non stava fuggendo, anche se il parlamento croato gli aveva revocato l'immunità giusto il giorno prima.
Al momento l'ex premier è detenuto in Austria e la Croazia ne ha formalmente richiesto l'estradizione.
Si vedrà.

Intanto in Kosovo si sono celebrate le prime elezioni politiche dall'indipendenza (febbraio 2008) e stando ai primi risultati (non ufficiali) tutto è andato come da previsioni: vittoria al primo ministro uscente Hashim Thaci del PDK (l'ex Uck per intenderci), brogli segnalati in molte parti del Paese e boicottaggio del voto da parte della minoranza serba che risiede a nord del fiume Ibar.
Sconfitto il partito dell'ex presidente Rugova, (LDK) oggi rappresentato da Ida Mustafa, sindaco della capitale Pristina.
Pare si prospetti un'alleanza di governo fra Thaci e il partito dell'Alleanza per il futuro del Kosovo, creatura del noto (già inquisito dal Tribunale dell'Aja per crimini di guerra) Ramush Haradinaj.
Il processo a quest'ultimo dovrebbe cominciare l'anno prossimo, ma si preannuncia di una certa difficoltà vista la tendenza dei testimoni di accusa a passare a miglior vita.
Auguri.

Infine una notizia calcistica la cui rilevanza va oltre i confini dello sport.
Il nuovo allenatore della Stella Rossa di Belgrado è un ex calciatore, già leggenda della stessa squadra che ha portato sul tetto d'Europa nel 1991.
Il suo nome è Robert Prosinecki e - per chi non lo sapesse - è croato.
Ogni commento ulteriore è superfluo, salvochè - a giudizio di chi scrive, di cui conoscete la passione per la Stella - si tratta di una notizia bellissima soprattutto per quello che rappresenta.

Chiudo qui; qualora non dovessimo sentirci prima auguro di cuore (balcanico) buone feste a tutti.
Sretan Bozic i Sretna Nova Godina, lo diciamo in croato visto che dalle parti di Zagabria il natale arriva prima.

Questione di calendario.

1 Comments:

At 11:55 AM, Blogger beppe said...

Saluto con rispetto Richard Holbrooke, colui al quale si deve la pace in Bosnia.
Se ne è andato lo scorso 13 dicembre.
Consiglio il suo libro "To end a war".

Notizia dell'altro ieri che il Consiglio d'Europa accuserebbe il premier kosovaro Thaci di traffico di organi, prelevati da prigionieri serbi (poi uccisi) durante la guerra e sooprattutto dopo.
Se qualcuno rimarrà sorpreso da siffatta notizia (soprattutto qualora ricopra una qualche carica istituzionale) può togliere gli specchi da casa.
Se non lo ha già fatto.

 

Posta un commento

<< Home

Bandiera della Jugoslavia che fu