mercoledì, settembre 06, 2006

Immigrazione: ingresso di 30.000 lavoratori


Roma – A fronte delle numerose richieste di nulla osta al lavoro stagionale e della necessità di corrispondere al fabbisogno di manodopera nel settore agricolo e turistico-alberghiero, viene ammessa per l'anno 2006 una quota ulteriore - rispetto a quella già stabilita nel precedente D.P.C.M. del 15.02.2006 - di 30.000 ingressi nel territorio dello Stato italiano di cittadini extracomunitari, residenti all'estero per motivi di lavoro subordinato stagionale. Lo stabilisce il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14.07.2006 (G. U. n. 185 del 10.08.2006) concernente la "Programmazione aggiuntiva dei flussi di ingresso dei lavoratori stagionali extracomunitari nel territorio dello Stato per l'anno 2006". L'ulteriore quota di 30.000 ingressi riguarda i cittadini stranieri extracomunitari di Serbia, Montenegro, Croazia, Bosnia e Herzegovina, Ex Repubblica Yugoslava di Macedonia, Bulgaria e Romania; i cittadini stranieri extracomunitari di Paesi che hanno sottoscritto o stanno per sottoscrivere accordi di cooperazione in materia migratoria: Tunisia, Albania, Marocco, Moldavia ed Egitto; i cittadini stranieri extracomunitari già titolari di permesso di soggiorno per lavoro subordinato stagionale negli anni 2003, 2004 o 2005.

2 Comments:

At 8:37 PM, Blogger Seesaw said...

Thank you for your visit, comment and photos, I will use them on the blog!

 
At 9:52 PM, Anonymous ivan said...

Si, ma i 30.000 di extracomunitari che vengono, cosa trovano?

 

Posta un commento

<< Home

Bandiera della Jugoslavia che fu